per chi è già pronto con lo spumante in mano

images

 

capodanno-berlino

62401-1

368-21315

193709172-26ded12e-a2ae-4afa-8f02-8c2d16f9a5b2

5542087449_48410a86d1

capodanno-times-square-2015-art

Instabul1_DiaridiViaggio_iviaggidmonique1-Copy2

un-simbolo-di-festeggiamenti-su-fondo-bianco-43201839

32769783-2015-buon-natale-e-felice-anno-nuovo-volantini-copertine-manifesti-e-pagine

 

 

A tutti BUON ANNO e figli femmine…

Annunci

un capitano ok

capitanobuono

ci fa dimenticare il capitano degli errori Capitan Schettino

qui la cronistoria del salvataggio

l’anima mia, solo mia, stupendamente mia

angeli nel cielo

il dio è donna di nannini…

luce del mondo

In una stanza silenziosa c’erano quattro candele accese. La prima si lamentava: “Io sono la pace. Ma gli Uomini  preferiscono la guerra: non mi resta che lasciarmi spegnere” e cosi accadde. La seconda disse: “Io sono la Fede. Ma gli Uomini preferiscono le favole. Non mi resta che lasciarmi spegnere” e cosi accadde. La terza candela confessò: “Io sono l’amore. Ma gli Uomini sono cattivi e incapaci di amare. Non mi resta che lasciarmi spegnere“.  All’ improvviso nella stanza comparve un bambino che, piangendo, disse: “Ho paura del buio“. Allora la quarta candela disse: “Non piangere. Io resterò accesa e ti permetterò di riaccendere con la mia luce le altre candele. Io sono la speranza

Continua a leggere

le cose che non ho

e che vorrei avere sono tante.

Vorrei avere tanta più energia, e tanto più tempo, per fare le cose che non riesco a fare,  come  leggere tanti libri che mi sarebbero molto utili a capire cose che non conosco o che conosco male; oppure guardare molti film d’autore che mi darebbero molte idee per insegnare a vivere; oppure  stare dentro tanti progetti,  dove la gente si conosce e si rispetta,  e si lavora in  squadra,  e la parola competizione è sostituita alla grande dalla parola collaborazione.

Vorrei avere un elicottero personale per andare dove voglio quando voglio, per essere in tempo pressochè reale là dove il mondo pulsa e mi chiama.  In alternativa dovrei desiderare d’essere un uccello,  che invece non mi andrebbe molto, visto che del mondo animale trovo l’uomo di gran lunga  l’essere vivente  più affascinante.

Vorrei conoscere molte persone in gamba, molto più di quelle che già conosco,  perchè  le persone  di questo genere sono il sale della terra e bisogna essere grati a chi non si piange addosso e si rimbocca sempre le maniche.

Vorrei  realizzare buone cose per cui essere soddisfatti per sè e per gli altri, oltre quelle che già probabilmente già riesco a fare, ma che è sempre così poco, in fondo.

E poi basta.  Che volere di più?

(tratto da un libro  “Quello che vorrei…”