Sull’amore

Maria Teresa di Calcutta

Padre Pio da Pietralcina

San Francesco d\’Assisi

 

    la storia di Gandhi

Questi sono quattro  esempi di innamorati  celeberrimi; esistono di pari passo migliaia di esempi di amori non celebri che però hanno lo stesso identico valore, lo stesso identico spessore di questi esempi massimi di santità o di giustizia.

Non è per presunzione che affermo questo, nè per inconsapevolezza, ma è per una ragione molto banale e pratica; ovviamente le persone non sono tutte uguali, ognuno deve essere se stesso, ossia deve essere come Dio l’ha fatto,  o come il proprio stato d’essere umano gli chiede di rappresentare;  nella realtà solo davanti a Dio non c’è alcun dubbio che siamo  tutti uguali, solo davanti all’universale idea di Bene abbiamo tutti lo stesso dovere.

I quattro indiscutibili esempi di amore perfetto o molto vicino alla perfezione hanno entrambi in comune  l’avversità per la violenza; la presenza di un uomo che non appartiene  alla religione cattolica  dimostra ampiamente ed in modo inequivocabile che l’essere giusto o quantomeno non violento  non è prerogativa o patrimonio  esclusivo  della cultura  cristiana.

Questo essere pacifici o avversi all’aggressività  è il valore maggiormente assente nel mondo, che di fatto è quello che dimostra d’essere proprio per il sua  spiccata  e perdurante    tendenza all’aggressione, all’oltraggio, all’invasione, al non rispetto dell’altro, soprattutto quando quest’altro dimostra di fare qualcosa che non ci aggrada, che non condividiamo.

Sia  l’idea di Bene  che l’esistenza di Dio  non hanno  protetto gli esseri    dalla contingenza di uno stato di cose  che dimostra    l’incapacità e l’evidente  continuo  fallimento umano; è pur vero che il bene opera assai silenziosamente più di quanto non si immagini, è pur vero che  il mondo sarebbe infinitamente peggiore  senza questo esercito di uomini pieni di buone intenzioni  e di buone pratiche.

Dunque, l’importante per ognuno di noi è amare come Dio ci chiede di imparare a fare, o amare come la propria idea di Bene ci chiede di esprimere. Tutto il resto non conta, è solo coreografia o apparente/sostanziale   prevaricazione del male sul bene.

Nessuno può giudicare l’essere se non l’essere stesso che conosce la verità delle cose, per chi non è credente; nessuno può giudicare una persona  se non Dio, per un credente.

dal Vangelo

dalla Bibbia

 

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...