CARRUGI ED ANGOLI DI PAESE

Dove la gente può  vivere  a misura di se stessa, dove si sente ancora il tempo che scorre, dove c’è vita piena anche nell’assoluto silenzio, dove  le cose aiutano e stanno per gli uomini e non gli uomini   per  le cose…

IL TEATRO BOLSHOI

Teatro/ Riapre il Bolshoi, Galà in diretta via satellite

File:Inside Moscow Bolshoi Theatre.jpg

bolshoi

Belle donne, bella gente, gran Galà, cerimonie e musica, ma il vero protagonista del momento   è  stato  solo lui, il teatro Bolshoi rimesso a nuovo, proiettato nella modernità   e tornato al suo   antico  splendore.

La Scala di Milano mette in mostra i questi giorni   i suoi storici costumi.

Mentre tutto  è  pronto ad accogliere  i suoi nuovi spettacoli, le sue nuove danze, i suoi  quanto  nostri   mille fantasmagorici  suoni…

TUTTI I NOSTRI SI

SI  al ritenere il bene la cosa più  preziosa

SI  al dire quello che si pensa e si sente  quando è necessario farlo

SI  al benedire la vita  perchè ci è stata donata

SI  al sapere stare da soli quando è inevitabile sopportarlo

SI  al pensare che prima o poi la verità  verrà a galla

SI  al  non  temere il futuro  quando sai che non hai mai fatto male a nessuno

SI  al cercare di stare  allegri   conservando la propria salute

SI  all’impegnarsi  per non lasciare nulla di intentato

SI  alla ricerca  di quello che ancora deve essere compreso

SI  al sapersi dichiarare  perchè nessuno può farlo per te

SI  al sapere riconoscere le proprie colpe  volendoci mettere rimedio

SI al saper perdonare chi ha sbagliato  perchè così sarai ricordato  per il tuo equilibrio

SI all’avere coraggio  perchè non siamo pecore

SI  al pensare sempre  costruttivamente anche nei momenti più bui

SI  al mondo per quello che è e per quello che puoi farlo diventare

SI  all’arte che ci permette di renderci   migliori

SI alla nostra capacità  di metterci in discussione coi fatti e non con   le parole

SI alla nostra capacità di camminare autonomamente senza strumentalizzare nessuno

SI alla nostra capacità di cambiare cambiare cambiare

SI alla nostra capacità  di saperci mettere da parte quando è il momento di farlo

Si alla nostra capacità  di riflettere, riflettere, riflettere, per poi decidere, decidere, decidere

SI  all’amore  che un giorno ci apre gli occhi e ci fa vedere quello che possiamo riuscire a costruire

E dunque sì sì sì…

TUTTI I NOSTRI NO

NO alla stupidità

NO a dire sempre di sì perchè così fan tutti

NO a guardare i soprusi senza fare niente

NO  al pensare che si è soli

NO al vivere nel rimpianto

NO a  smettere di lottare

NO  al non avere  sogni da realizzare

NO  al fingere  quando puoi smettere di farlo

NO  al diventare complici  degli errori degli altri

NO al lasciare le persone che ti amano in difficoltà

NO  al permettere di venire  aggrediti  senza  replicare

NO  al rinuciare a comprendere

NO alle scelte più facili e più comode

NO alla menzogna detta per coprire le proprie colpe

NO a chi strumentalizza gli altri

NO  a chi mette l’interesse sopra tutto

NO  a chi  si costruisce un’immagine di brava persona  senza esserlo

NO ad ogni genere di mafia

NO  alle cose bislacche  che non portano a  nulla

NO e ancora NO e ancora NO

TUTTE LE NOTE DELL’ACQUA

MONDI NUOVI, NUOVO MONDO

Le immagini potrebbero moltiplicarsi all’infinito.

Non siamo soli nell’universo,  ormai non ci sono più dubbi…

E non è più una questione di vedere, ma una questione di come ripensare il nostro pensiero, il nostro sentire, il nostro credere.

Non più soli ma da sempre insieme ad altri sconosciuti.

E  il sapere sapeva, ha sempre saputo. Sia il sapere  della   chiesa che il sapere della scienza,  che certe verità  trapelate da alcune menti ricercatrici sono sempre state   (e ancora lo sono) tenute segrete ed ostacolate…

Mentre che il potere  ha cercato fino che ha potuto di fare  i propri comodi, l’amore delle verità o se si vuole della scienza,  ha operato ed opera  alacremente ed incessantemente, senza  scoraggiarsi,   nel silenzio del proprio quotidiano.

Un esempio  a caso:     Mauro Biglino

E poi ci sono gli amici che aiutano, che hanno voglia di capire,  di crescere, di andare avanti, di fare Vera scienza, di fare Vera  Spiritualità.

Siamo  stati  solo poveri stupidi ingenui?  Cosa cambia e cosa rimane del vecchio mondo?

E come cambia allora l’idea di Dio  e l’idea di umanità e l’idea di resurrezione e l’idea di amore  dentro questo nuovo quadro d’ insieme?

Questa ragazzi,   sì che è  una bel compito al quale attendere, non vi pare?

Altro che neutrini  più veloci della luce.

Adesso si balla sul serio!  e non siamo mai stati  tanto  attenti in classe…

In questa scuola le porte sono aperte a tutti, sono tutti i benvenuti, nessuno viene escluso, e le persone ci arrivano  spinte dalla curiosità e dal bisogno di conoscere.  Se invece ci vengono per altre ragioni,  non saranno le loro  idee ed i loro pregiudizi  che li aiuteranno  ad evolversi.

In quanto alla fede,  quella è e rimane quella di sempre, perchè Dio è  ed è sempre stato e sempre rimarrà il Dio dell’immortalità, dell’amore assoluto e dell’universalità.

Un Dio di pace, di fratellanza   e di resurrezione.  Ma questa volta,  senza più  sorprese finali.

I PROMESSI SPOSI

Tutte le immagini dei    Promessi Sposi

1 Promessi sposi alla prova_SCENA.jpg

Quando un libro senza tempo  diventa leggenda  e si trasforma nell’ epopea di una coppia, nel    sogno vissuto di una felicità irrinunciabile, nella tenacia di uno sposo promesso e di una sposa precipitata dal caso in mille traversie  che avranno il loro sacrosanto lieto  fine.

Altro  che  la beceraggine  di un  certo   nostro mondo  che  si è ridotta  ad esibirsi come  una  insignificante    marionetta.

Non solo allora parole, non solo racconto,  ma  esposizione magistrale  di un sentimento  ordinario  quanto  sublime e misterioso, unico e condiviso, antico e sempre nuovo, appassionato   e   consolatorio, che parla ai giovani ed  ai meno giovani  con lo stesso  incisivo talento.

Dall’amore fermo e preciso di due persone  qualsiasi  elevate   ad “eroi  della ragion di vivere”,   il mosaico si snoda  verso   tutte  le altre manifestazioni che toccano il genere umano, e così  vediamo prendere forma l’espressioni    della vigliaccheria, dell’invidia, della spavalderia, dell’onestà, della lungimiranza, della spontaneità, della ragion di stato, della furbizia, della tirannia, della pazienza, del perdono, dell’amicizia,  della rabbia, della confusione, della disperazione, della solitudine, dell’inganno, dell’offesa, della pietà, della nostalgia, del pentimento…; davvero nulla viene fatto tacere   in queste belle pagine  così  ben conosciute e celebrate,  assolutamente ancora  contemporanee e moderne.

Grazie  Alessandro.