Omaggio alla Bellezza fisica

Madalina, il più bel corpo del mondo

STREET ART

 

tutti noi insieme

Ci sono i conti che non tornano.

Mi sono messa a ripercorrere gli ultimi siti che hanno avuto la ventura di incrociare il mio, e dunque di riflesso quelli che io ho avuto la ventura di incontrare.

Aspettate che me li riprendo per descriverveli in breve: sono tutti bellissimi, in sostanza ognuno racconta le sue passioni, i suoi interessi, i suoi amori, le cose belle che stanno loro capitando. A volte anche le cose meno belle.

C’è chi ci dice che è innamorata e che sta aspettando un bambino; chi commenta ed illustra  famosi ed insuperati pezzi cinematografici, di cui esalta la incomparabilità e la indubbia verità storica e sociale;  chi si occupa di volontariato in maniera attiva e responsabile, preoccupandosi  in continuazione di darsi una formazione specifica; chi si interessa di fotografia in maniera professionale, o quasi, esaltandone i colori come le sfumature di grigio; chi impazzisce   per il cinema, e pressochè maniacalmente ne insegue le pellicole, le recensioni, le immagini e  le novità…; molti degli amici che ho incontrato e che incontro sono insegnanti, o formatori, o spiccati lettori, o  appassionati del web  per le sue opportunità didattiche;  qualcun’altro  è appassionato  d’arte, e dell’arte ci sa dire tutto,  retroscena ed aneddoti, particolari  che non troviamo sui libri di scuola  arricchiti da  riflessioni personali; altri ancora scrivono spacciandosi per insicuri ed incapaci, ma poi a giudicare dai followers e dalle visite del blog tanto principianti non devono essere…

Siete tutti meravigliosi, e non lo dico per cerimonia.

Sarà che quando si va a guardare il singolo, riusciamo a vedere tutte quelle cose che l’ordida   massa nasconde, annerisce, annebbia…

Ed è per questo che i conti non tornano tanto;  che ci stanno a fare tante persone in gamba e piene di interessi, che praticamente non si contano, dentro una società come la nostra che sbarcolla,  annaspa, non sa darci lavoro, sicurezza, sogni ed ispirazioni?

Forse sta proprio in questo il segreto dell’enigma.

La divina famiglia siamo noi,  noi che non ci perdiamo d’animo, noi che pensiamo al nostro fare come a un possibile costruire collettivo. Magari  lo facciamo a piccoli passi,  spesso forse non ci rendiamo nemmeno conto di fare qualcosa per gli altri e non solo per noi stessi.

Io stessa più di una volta mi sono imbattuta nel pensiero “Adesso smetto  di scrivere, tanto siamo milioni, e tutti che pensiamo d’avere qualcosa da dire di interessante, ma poi non ci guarda nessuno, diciamo la verità, o comunque, ci guardiamo  in pochi, come dire, un pugno di mosche che combattono contro un oceano di moscerini, contro dei giganti insuperabili ed irraggiungibili…”

Forse continuiamo a farlo perchè semplicemente scrivere aiuta noi stessi ancora prima che qualcun’altro, e allora che crepi l’avarizia, o il senso di smarrimento  momentaneo,  io sono qui, rimango qui, insieme a voi, con tutta me stessa, ossia due gambe due braccia una pancia un addome ed una testa.

E voglio chiudere per ora con un piccolo video ripescato in rete, proprio dentro uno dei vostri siti.

Sì, la vita è proprio bella, nonostante le apparenze.

NB:  scusate mi dimenticavo della cosa più importante: Grazie grazie grazie a tutti

non si vive di soli calcoli…

pae1

pae9

pae7

sa6

pae5

pae8

pae4

pae

scatti

Manuel Álvarez Bravo: maestro della fotografia messicana ~ Fotografia Artistica Blog G. Santagata

Stephanie Smollett - Jalouse n° 14,   p: huma rosentalski

Oh Liza Jane: artist of the day

Jean Besancenot. Mother and daughter. Maghreb, 1930.

BANISHED FROM CAMELOT

ALONGTIMEALONE

howiviewafrica:        Superwoman ♥

Fred Stein  Untitled (Hole in Fence, Paris), 19369.5 x 7.75 inchesvintage silver print

brown dress with white dots

wish!

brown dress with white dots

ignite light

varietas:    Robert Doisneau: Blaise Cendrars dans les rues d’Aix-en-Provence, c.1945

help

Desert du Tenere. dune minimaliste. Niger by courregesg, via Flickr

http://www.olimcavoy.com/files/gimgs/89_logan-web-5.jpg

paulaart

pdi:    Messenger of peace  (by Santosh Rajgarhia)

nezart design

By: David Murcko

nezart design

NOW AND THEN

veglawyer: frida kahlo

la bellezza (è una cosa familiare)

COMITATO PER LA BELLEZZA

"Non c'è bisogno di templi, senza bisogno di filosofie complicate La mia mente e il mio cuore sono le mie tempie,. Mia filosofia è la gentilezza."  Dalai Lama

La bellezza dell 'adolescenza ........  da Tiziano Taddei, via Flickr

 Occhi di Mare

(Fotografo?)

Febbraio

bel bambino

ancora forte ...

Samuel Larsen

Aghanistan

Kwakwaka'wakw donna

polvere

Jacqueline Roberts

Navajo Boy di Carl Luna c1906

Occhi scuri

generazioni

http://www.piccolini.it/editorial/19/la-festa-del-papa-e-la-pasqua/

lentiggini

Ian McKellen

Madri e bambini in tutto il mondo.  L'amore non cambia mai.

Roma Ragazze

I papà GUARDA Da Noi mamme http://www.piccolini.it/post/574/i-papa-visti-da-noi-mamme/

120 anni donna

Compagni di Viaggio

Spiegare l'amore di un bambino delle Nazioni Unite http://www.piccolini.it/post/565/spiegare-l-amore-a-un-bambino/

(Fotografo?)

Melodie Monrose

Josh Beech

Nizza uno di Ralph Fiennes

 il combattente

Baby Blues

tatuaggi

io ballerei sempre…

al di là di divertimento e bella

Balletto Fotografia

Vedere questa immagine di Towson, MD - Rachel Bell nel prossimo libro di Jordan Matter: Dancers Among Us - in libreria il prossimo autunno!cz

Vedere questa immagine di Madison, GA - Jacob Bush e Claire Stallman nel prossimo libro di Jordan Matter: Dancers Among Us - in libreria il prossimo autunno!

 

 

Vedere questa immagine della 5th Avenue, New York - Michael McBride e Ellénore Scott nel prossimo libro di Jordan Matter: Dancers Among Us - nelle librerie il prossimo autunno!

See this image of Venice Beach, CA - Kayla Radomski in Jordan Matter's upcoming book: Dancers Among Us - in bookstores this fall!

 

 

GIORNO DI NATALE PER quei signori!

 

Vedere questa immagine di San Francisco - Dudley Flores nel prossimo libro di Jordan Matter: Dancers Among Us - nelle librerie il prossimo autunno!

 

e la danza classica sotto la pioggia?  sempre così freddo

Questo è il modo vorrei poter LAVORO!

OMG, incredibile ..

Vedere questa immagine di Sarasota, FL - Ricardo Rodi nel prossimo libro di Jordan Matter: Dancers Among Us - in libreria il prossimo autunno!

 

 

 

 

 

 

fotografia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’età più bella

L’età più bella è quella in cui siamo stati felici?

O quella in cui  siamo diventati consapevoli?

Che cos’è la felicità se non solo un dono che ci viene offerto per farci capire la bellezza del mondo? e dunque solo un dono che ci rimane dentro a consolarci nei momenti meno felici nell’attesa che si ritorni a ridere con il sole?

La consapevolezza invece  è molto di più.

Continua a leggere

chi dice donna dice…bello

Continua a leggere

Fiori per te, immaginali tutti in una ghirlanda…la nostra primavera

La bellezza ci salva ogni giorno

Oggi credo di avere banalmente compreso perché l’uomo tiene tanto alle proprie opere d’arte,  a volte sembra   più che agli uomini stessi.

Questo    dato di fatto che sembra   ripetersi    puntualmente nella storia  mi aveva sempre un poco scandalizzato; cosa può avere più valore della vita umana?  Quale opera d’ingegno potrebbe essere degnamente  preferita alla salvezza di vite umane?  Detta in  questo modo la risposta  non può che essere corale ed inoppugnabile:  nessuna opera d’arte val più di un uomo, chiunque esso sia.

Ma sappiamo che non è così…qualcosa dentro di  noi comincia a  sibillare…e a fare distinguo: però, dipende dalla persona  in  questione; se la persona è un clochard?  Vale un barbone  la Gioconda di Leonardo?  Se fossimo in   quel museo dove sta custodita la bella dama, e se questa dama fosse in pericolo di distruzione, e se dovessimo scegliere nella tempestività del nostro intervento se salvare  l’insostituibile  quadro  o la vita di un pezzente che dovesse passare in quel luogo per pura circostanza,  dove si dirigerebbe spontaneamente la nostra azione di  salvataggio?

Temo di conoscere la risposta,  non escludo che molti di noi  sceglierebbero  di salvare il celebre dipinto a discapito del povero umiliato.

Da  qui la domanda più che legittima: cosa raffigura per noi  un reperto artistico,  un  qualcosa  che è stato consacrato  nel tempo  come  unico, irripetibile e di  ineguagliabile valore?  Rappresenta il nostro essere sopravvissuti al tempo, cioè alla morte, cioè al contingente. Ogni essere umano deve o dovrà morire, ma non ciò che ci può sopravvivere…

L’arte è l’immortalità  che vince  sul finito, esattamente come la filosofia  che è immortale in  quanto arte del  comprendere, esattamente  come  l’amore che è immortale   in quanto  arte  del sacrificarsi per qualcuno.

Quando ci troviamo in una condizione particolare della nostra vita,   quando comprendiamo che  tutto del nostro tempo sta mutando radicalmente con un passo senza ritorno,  quando   ci troviamo a dovere scegliere di  dovere portare con noi  qualcosa  che conti, che ci rappresenti, che non possiamo lasciare all’incuria del caso, ecco che ci troviamo a selezionare   gli oggetti, le cose, i pezzi  che per noi hanno un particolare significato,  cioè quelli  stessi  creati dal nostro ingegno, dalla nostra fantasia.

Se da un lato è pur vero che non c’è creatura vivente di maggior valore di un figlio,  dall’altro lato è pur vero che  i figli acquistano, anzi, già vengono al mondo con la loro autonomia  ed il loro diritto sovrano  ad autogestirsi.  Non questo vale per gli oggetti;  gli oggetti, tra i quali possiamo annoverare universalmente ogni opera d’arte,  non sono creature viventi autonome e sovrane, ma  creature  morte  che ci rappresentano e che si rimettono alla nostra capacità di custodirle….

Esattamente come dei figli  piccoli che necessitano della patria potestà.

Dunque,  creature nel senso di create da noi,  morte nel senso  di  non viventi  come solo un  essere umano  può essere considerato l’espressione eccelsa della vita,  ma  immortali   perché ci sopravviveranno e dunque  saranno il nostro segno tangibile del continuare   ad essere  ricordati.

Ma  perché è così importante   rimanere nella memoria  di chi ci ha conosciuto,  che sia direttamente o indirettamente, non importa?

Perché  io credo che   nel ricordo  sopravvive appunto la vita, il fiato di creazione  che ha permesso a quell’opera  di ingegno  di venire al mondo  e di trovare il suo più o meno   perenne collocamento.

Solo Dio, cioè solo  un essere non umano  e per essenza immortale, cioè fuori del tempo,  potrebbe senza esitazione scegliere di  salvare il barbone e  non l’opera d’arte.  Dio in quanto Dio non necessita del tempo, non necessita  della creazione  di sé  che possa ricordare l’esistenza stessa  del divino, e dunque solo per questo Dio è amore puro,  capacità assoluta e perfetta    di darsi  senza  richiesta di avere  qualcosa   in   cambio.

In  conclusione,  Dio è un artista  che ha creato  senza  bisogno,  l’uomo  è  creativo   perché necessita di  ripetersi  e di  lasciare  un segno di sé  nel prossimo.

Immagini di Donne nella vita e nell’arte

 

Continua a leggere