Stupri (incivili), processi (sbagliati) e urla di piazza (vere)

Lei è una ragazza qualunque che viene stuprata dal branco, l’ennesimo;  il giudice chiude un occhio sul caso (che non fa molto clamore visto la  maleducazione del mondo civilizzato, parola che ricorda il titolo di un film celebre, proprio spagnolo, ma che va oltre certe/quelle  tematiche specifiche,  e  che sembra  inarrestabile…) e li condanna per semplice abuso; la piazza insorge e scendono nell’arena anche le suore di clausura…Ecco quello che sta succedendo  in Spagna…

qui  e  qui  tutti i dettagli

Condanna lieve per lo stupro di gruppo, ondata di proteste in Spagna

 

uomini in gonna

E’ accaduto in Turchia, e la gente questa volta ha risposto, scendendo in piazza in maniera singolare

094920146-747c0182-dff9-4bac-8239-1551d8b62382

ecco il fatto

mia dolce madre

1414411185-iran

 

“Mia dolce madre, l’unica che mi è più cara della vita, non voglio marcire sottoterra. Non voglio che i miei occhi o il mio giovane cuore divengano polvere.”

Sono alcune delle ultime parole lasciate alla madre dalla giovane donna iraniana impiccata in Iran per essersi difesa da uno stupratore.

Qui tutta la vicenda

L’8 marzo: dopo il secolo di vita, cosa sta cambiando? Tra vecchie tragedie, le nuove conquiste

 

    1      Benazir  Bhutto

             Sonia    Gandhi       2 

3     Aung San Suu Kyi

Continua a leggere