Io sono un idiota

Nella caverna filtra la luce

Stanno con me i miei compagni

Che ridono spassosi

Passando da una parete all’altra

Dove a loro sembra di non mancare di nulla…

Ma  non sarebbe  così per me la vita

Che vedo  lucente fuori dal buco

È come se mi chiamasse con la sua voce muta

Ma io testardo l’ammutolisco

Perchè  non voglio distinguermi dalla normalità

A me piace sapere chi sono

Dove vado e con chi scorrerò  il mio tempo

già programmato

già pianificato dentro  le scatole  dell’ordine mentale

che però sono solo vuoti contenitori

senza parole vere…

Io  non voglio ascoltare il cuore che non posso dominare

Io penso solo alle cose certe

Quelle tranquille

Quelle quotidiane

Dove mi sento rispettato

E tutti mi plaudono per la mia intelligenza

Sciocca

Per la mia forza

Inerme

Per la mia voglia di vivere

Assente

Perchè  Io sono solo un codardo

Io sono solo un bugiardo

Io sono solo

L’uomo più idiota del mondo

ed è giusto  che  lo si dica

ed è giusto che lo si sappia…

Cesare  Papini