Cos’è un cMooc?

antonellarubinospannianelim54didatticartesandramttadrianapaMaria Graziadallomo antonellamaestro aleGraziano Ferrocarlimorettilaritalucrezia67anelim54soudazantichicate55etcasa63nadiamorettiprofdanialleiramcfrancescapal71blenz3Monica TerenghiAshleycoccinella59

e molti altri

Cos’è un cMooc?

E’ un percorso formativo destinato a un numero aperto di iscritti, sostanzialmente libero e con poche regole se non quella fondamentale della passione per il proprio lavoro.

Bello esserci. :-))

Visita il nostro villaggio virtuale.

Video sulla creatività (da connessione)

Laboratorio 13

Ciao amici, in questi ultimi giorni ho trascurato questo blog perchè sto lavorando su un altro, che è   nato da nemmeno due settimane  all’interno di un corso che ho ribattezzato per me con un nome  di mia fantasia.

Vi indico il link  di  Laboratorio 13

E’ legato a questo sito Insegnare apprendere mutare   dove il prof   Andreas Formiconi insegna l’uso al meglio delle tecnologie.

Se non sono qui sono là, almeno  fino al  10 di giugno prossimo…

Comunque non abbandono casa.

STA NASCENDO IL MOVIMENTO DEGLI INSEGNANTI

Il manifesto  degli insegnanti

 

 

 

1. Amo insegnare. Amo apprendere. Per questo motivo sono un insegnante. 

2. Insegnerò per favorire in ogni modo possibile la meraviglia per il mondo che è innata nei miei alunni. Insegnerò per essere superato da loro. Il giorno in cui non ci riuscirò più cederò il mio posto ad uno di loro. 

3. Insegnerò mediante la dimostrazione e l’esempio, il riconoscimento dei miei errori illuminerà il mio percorso. 

4. Accompagnerò i miei alunni alla scoperta del mondo, assecondando e stimolando in ognuno di loro la curiosità e la ricerca, le domande e la passione. 

5. Non potendo dare loro la verità, mi adoprerò affinché vivano cercandola. 

6. Incoraggerò nei miei studenti la volontà di superarsi costantemente e di non rassegnarsi mai di fronte alle difficoltà. 

7. Farò in modo che la scuola sia il mondo, e non un carcere. 

8. Non trasmetterò ai miei studenti saperi rigidi e preconfezionati. La mia visione del mondo mi guiderà, ma non sarà mai legge per i miei alunni. Il dubbio e la critica saranno i pilastri della mia azione educativa. 

9. Contrasterò lo studio per il voto e promuoverò lo studio per la vita. 

10. Raccoglierò elementi di valutazione, rifiutando approcci semplicistici e meccanici che non tengano conto delle situazioni di partenza, dei progressi, dell’impegno e della crescita complessiva del singolo alunno. 

11. Lotterò affinchè la scuola sia la scuola di tutti, la scuola in cui ogni studente possa apprendere seguendo tempi e tragitti individuali. 

12. Aiuterò i miei alunni ad illuminare il futuro leggendo il passato e vivendo in pienezza il presente. Li aiuterò a stare nel mondo così com’è, ma non a subirlo lasciandolo così com’è. 

13. Resterò fedele a questi punti in ogni momento della mia azione educativa, pronto ad affrontare e superare tutti gli ostacoli formali e burocratici che si presenteranno sulla mia strada. 

Continua a leggere