le due diverse famiglie in piazza

 

Nello stesso giorno hanno deciso di convenire nelle piazze italiane le due diverse famiglie del nostro tempo.

In sostanza e in generale potremmo dire che   i giovani che guardano al presente e al futuro  vogliono il cambiamento, mentre  i meno giovani pongono dei   paletti a  questa evoluzione che merita   senz’altro uno sguardo molto attenzionale.

Non mi voglio schierare nè per l’una  nè per l’altra, non tanto perchè abbia paura di farlo, non tanto perchè non mi riservo d’avere le mie idee, che del resto più volte ho già avuto modo di riflettere, ma in quanto  non è questo il momento nè il luogo  di tirarsi indietro.

Si faccia questa benedetta legge che dovrebbe garantire gli stessi diritti civili a tutte le coppie, si faccia una capillare discussione  in tutti i luoghi del vivere pubblico, si arrivi a un benedetto accordo, qualunque esso dovesse essere, purchè frutto di un incontro, di un dibattito,  di una votazione condivisa e attraverso assunzioni di responsabilità.

Perchè il tempo non si ferma, non ci si può  nascondere con la testa sotto la sabbia, e la vita va avanti con noi come senza di noi…

 

 

Advertisements

2 thoughts on “le due diverse famiglie in piazza

  1. Una cosa lasciamela dire. Non ho avuto modo di leggere il testo del DDL che deve essere discusso, ma io questa lamentela che fanno i conviventi non la tollero. Rispetto l’omosessualità e la voglia di avere una vita insieme e auspico che si possa procedere con la legalizzazione di un matrimonio civile, davanti ad un ufficiale di stato civile e con tutti i diritti che ne conseguono. Non tollero invece la trasposizione dei diritti di una coppia sposata a quella convivente. Se così fosse, ossia si allargherebbe la sfera dei diritti di coppia anche ai conviventi l’istituto del matrimonio verrebbe svuotato e perderebbe la sua ratio fondamentale, ossia quella di legare due persone (a prescindere dal sesso) a doveri inderogabili e a diritti inviolabili. Che senso avrebbe sposarsi se basta la convivenza per ottenere gli stessi vantaggi di un matrimonio?
    Quindi. Legalizzate il matrimonio fra omosessuali, ma lasciate le cose così come stanno in tema di convivenza!

I commenti sono chiusi.