io sono cittadino del mondo, dove il mondo si apre

Dopo avere risentito l’interessante puntata di ieri sera sul problema terrorismo, mi sembra di potere raccogliere qualche idea abbastanza chiara:

  • esistono due islam, uno tollerante ed uno che intende portare a termine la sua guerra santa
  • la convivenza civile tra religioni diverse è possibile nel momento in cui tutti i cittadini di un paese si riconoscono parti di una legge comune, che non può che essere che quella del paese ospitante ( e per qualunque differenza ci si deve rimettere alla legge del posto ospitante)
  • ci sono molti musulmani che vogliono potere convivere, e una minoranza che odia il sistema Europa ed occidentale in genere
  • lo stesso occidente ha commesso diversi errori nell’andare ad occuparsi in maniera impropria di problemi che non ci dovevano riguardare
  •  lo stesso occidente deve riflettere sulla propria generale perdita dei valori, che tanto l’islam più integrale ci rimprovera ( dimenticando però di pari passo  le proprie personali incredibili  contraddizioni)
  • chi non si riconosce  più  nei valori occidentali pur essendo tale  dovrebbe meglio spiegarci  le sue ragioni, affinchè noi si possa meglio comprenderle e riconoscere l’identità di un possibile   interlocutore
  • chi commette atti terroristici nei confronti di chiunque, non ha diritto a rimanere una persona libera e la giustizia legale   dovrà fare di tutto perchè questo processo accada
  • chi pretende di venire o di andare a dire a un altro popolo come si dovrebbe comportare, non ha diritto di essere ascoltato
  • il mondo arabo e islamico si sta ridisegnando in maniera molto preoccupante  e catastrofica,   che solo studi attenti potranno farci capire quali strategie difensive  o non offensive  mettere in campo
  • chi  pensa di fare pagare a terzi  le proprie personali sofferenze, mosso da generici istinti di frustrazione e di impotenza,  non agisce in maniera  giusta
  • chi si sente in pericolo in terre straniere, dovrebbe immediatamente lasciare quei luoghi indegni di accoglierli, non si deve   combattere con chi attenta alla nostra vita  se non con l’allontanamento
  • il mondo occidentale non si deve dividere in questo momento  sui pochi valori indiscussi   che gli sono rimasti chiari (come  la libertà di espressione)
  • chi occupa posti di responsabilità e di comando ha IL DOVERE  di dare il meglio di se stesso, se non intende farlo deve avere l’onestà di dimettersi immediatamente,  nel momento di decidere deve mettere da parte l’interesse personale e pensare solo al bene collettivo, DECIDENDO  di combattere la  corruzione che ci uccide e ci distrugge come sistema paese
Advertisements

One thought on “io sono cittadino del mondo, dove il mondo si apre

I commenti sono chiusi.