passato presente futuro

Chi non vive il presente non può crescere ed evolvere, nè insegnare nulla di nuovo.

Chi vive nel passato non può che riprodurre nel suo futuro gli stessi schemi e legami che lo hanno determinato e fatto essere ciò che è stato.

Si nega dunque ogni possibilità di cambiamento.

Chi vive nel futuro si nega il suo passato, negandosi lo stesso futuro, ossia non è possibile vivere in un tempo che deve ancora venire, non senza un qualche radicamento nell’istante attuale.

Ognuno di noi dovremmo in definitiva sapere stare nel proprio attimo fuggente.

La bellezza dell’attimo che sfugge  è come una possibilità di miracolo, di nascita e rinascita continua.

Noi siamo quello che abbiamo in testa e quello che conserviamo nel cuore.

Se nutriamo i nostri pensieri di rancori o di odio, di insoddisfazioni e di ignoranza, possiamo solo produrre nuovi rancori e nuove imperfezioni.

Occorre fare attenzione ai deliri che minacciano il nostro equilibrio psicofisico; la pratica del delirio sembra diventare una realtà abbastanza comune,  e questo ci deve molto preoccupare.

Perchè una persona in apparenza del tutto normale e sana di mente dovrebbe ad un certo punto cadere in una condizione delirante?

Qualcosa è già stato detto. Sembra che le persone non siano più disposte a soffrire. O a soffrire oltre una certa soglia che un tempo era ritenuta accettabile, ma che ora viene percepita come eccessiva.

Il delirio autoprovocato, mi viene di chiamarlo in questo modo; non sarebbe  che la provvida via di fuga che uno si crea e si concede.

Tragico presente, questo, che diventa seminatore di morte e di dannazione perenne.

Cercando  di conservare la sanità del proprio oggi, preserviamo la  riuscita del proprio domani.

Per conservare tale sanità,  occorre essere uomini capaci, nel senso di adulti e responsabili. Nessuna debolezza deve attanagliarci o vincerci,  se non la debolezza della paura di fallire, la quale paura è legittima e giustificata, soprattutto quando in palio c’è la vita di noi stessi e dei nostri cari.

E per ora chiudo l’argomento.  🙂  Buona Domenica a tutti.

 

 

 

 

Annunci