Mafia=crimine assoluto

L’ULTIMA DI GRILLO

Grillo in piazza  ci ha detto   che la mafia  è meglio dello Stato, perchè lo Stato sta strangolando  i suoi cittadini e servitori, mentre la delinquenza  organizzata al massimo chiede un 10% dei tuoi guadagni…

Bisogna replicare al sig. Grillo sparlante   che per quanto questo Stato stia sbagliando e stia commettendo  gravissimi errori,   rimane pur sempre lo Stato  che ci garantisce una identità, un punto di riferimento, una minima garanzia di legge, se non applicata, almeno applicabile…

La mafia no, la mafia anche qualora fosse quello che  il comico-politico sostiene,  resterebbe sempre e soltanto se stessa, cioè pura criminalità della peggior specie, che non solo si limita a chiederti quel ragionevole pizzo  che tutti noi saremmo disposti a pagare, pur di lavorare, ma che bensì uccide, e senza pietà, sistematicamente, con metodi che nulla hanno da invidiare agli specialisti  nella pratica della tortura, e senza avere  esitazioni di sorta nemmeno davanti agli infanti, alle donne indifese ed agli innocenti…C’è di peggio che   la mafia è sempre meno quella cosa là che riempiva le macchine di tritolo e sempre più questa cosa qua,  che si è  intrufolata braccio a braccio nella politica e che si presenta con la faccia pulita, i guanti bianchi ed in testa la bombetta…

Ecco,  in questo senso sì, un certo   Stato è come la mafia, nel senso che è la mafia stessa arrivata al potere legalizzato.

Quest’ uscita  quindi   gravemente  inesatta  davvero  Grillo se la deve rivedere.

Il giorno che dovessimo tornare a votare, amici carissimi,  ci chiuderemo il naso  e la bocca,  per  respirare il meno possibile il puzzo che probabilmente   uscirà  ancora  dai seggi e che circonderà come un alone  maleodorante  un bel pò  di tutta la gentaglia  che potremo  ancora  trovare indicata  nelle liste.

E senz’altro  qui esiste sul serio il movimento dei  Vaffanculo,  tra cui mi ci metto anch’io

Ma poi dovremo fare una scelta, e seria, e sostanziale, e mi auguro  di  vero cambiamento…

Non nego   che  il   Movimento degli scontenti      portato in piazza  dallo showman  sia parte esso stesso  di questo  bisogno di voltar pagina,  ma inviterei il sig.  Inquestione   ad essere più accorto nelle sue frecciate e nelle sue espressioni  provocatorie.

Non sono di quelli che lo condannano a priori,  non sono di quelli  che  sostengono  che da questo movimento non potrà mai venire fuori qualcosa  di buono…(e chi può dirlo con certezza dove sta  tutto il buono e dove sta  tutto il cattivo, largo dunque ad ogni uomo di buona volontà  che abbia qualcosa di vero  da proporre)

Ma ripeto,  in questa circostanza,  ha fatto fiasco,   perdendo  in   credibilità, e mancando  di rispetto verso  tutte le vittime eccellenti  e meno eccellenti   di mafia…

A nome suo,  chiedo io scusa  per lui.

Annunci